giovedì 17 agosto 2017

IL GIRO DELLE MALGHE DI PROVES

6 bellissime malghe nel gruppo delle Maddalene, alta Val di Non: 
Cloz, Revò, Kessel alta, Kessel bassa, Castrin, Lauregno.

Un percorso adatto proprio a tutti, un itinerario modellabile in base alle proprie  esigenze.
Infatti potete decidere di vederle tutte o solo qualcuna, in base alla vostra voglia di camminare.


Noi domenica siamo partiti alla grande: le facciamo tutte!

Quindi zaini in spalla e via, si parte. Prima malga Lauregno

 

Partiamo dal parcheggio subito dopo la prima galleria e ci incamminiamo sulla destra. La strada è indicata quindi impossibile sbagliare.
In meno di un'ora di passeggiata e con circa un centinaio di metri di dislivello raggiungiamo il nostro primo obiettivo.


La malga è raggiungibile sia da strada sterrata che da sentiero, più o meno nello stesso tempo. Noi abbiamo deciso di seguire il sentiero.
Se si ha l'idea però di raggiungere successivamente la malga Castrin, per non percorrere due volte la stessa strada, conviene fare la strada sterrata perchè questa seconda malga (Castrin) è raggiungibile dalla malga Lauregno solo ripercorrendo gran parte del sentiero all'indietro.

La malga è molto carina: un piccolo orto, due altalene, la sabbiera, dei bei tavoloni di legno dove sedersi, mangiare o bere qualcosa ed osservare il bellissimo panorama che ci circonda.
Le montagne intorno ci sembrano così vicine da riuscire a toccarle.




Da questa malga è possibile raggiungere anche la malga di Brez, in circa 40 minuti, ma noi decidiamo di proseguire per la Castrin.


Ripercorriamo quindi il sentiero semi pianeggiante (sentiero 114) fatto all'andata per circa tre quarti del percorso e poi seguiamo il bivio per la malga Castrin (1813 m.).

Ci arriaviamo in circa un'oretta con un altro centinaio di metri di dislivello.
Anche questa molto carina, merita decisamente una sosta!

Da qui torniamo un pochino indietro e prendiamo sulla destra la via per la malga Kessel (basta seguire le indicazioni)

Nuvoloni minacciosi ci girano intorno e la stanchezza comincia a farsi sentire... chiediamo informazioni sulla distanza ad un signore che ci pare esperto e che ci consiglia di tagliare le due Kessel ed andare direttamente alla malga Cloz.

Accidenti... avevamo deciso di farle tutte... ma proprio tutte... 
Momenti di grande indecisione e poi la votazione... tutti i bambini, ovviamenente, votano per il taglio.

Li accontentiamo e decidiamo di saltare le due Kessel e di conseguenza il tratto più impegnativo del percorso, un pò a malincuore!



Decisione poi rivelatasi assolutamente sbagliata perchè ci siamo persi proprio le più belle....

Quindi ci avviamo dalla Castrin alla Kessel e, prima delle scalette, al cartello blu acqua potabile, prendiamo il sentiero (non segnato) che in circa mezz'ora ci porta a malga Cloz.




Questa malga è davvero molto bella. Ci sediamo, prendiamo qualcosa da bere, uno strudel ed una pannacotta: assolutamente fantastici!

Ci sdraiamo sulle sdraiette al sole mentre i bambini giocano e si divertono con gli animali della fattoria: asini, mucche, caprette.
Prendiamo un pezzo di formaggio da portare a casa.
E poi decidiamo di raggiungere almeno ancora la Revò, che dista solo dieci minuti di comodissima strada in pianura.


Anche questa malga è molto carina.
Qui finiamo di fare merenda e poi torniamo indietro e ci avviamo dalla malga Cloz al parcheggio, che raggiungiamo comodamente in circa 15 minuti su strada forestale, percorribile anche con passeggino.

ECCO ALTRE POSSIBILI VARIANTI A QUESTO GIRO...


1. Dal primo parcheggio andare direttamente a Malga Cloz, poi Revò e raggiungere Kessler bassa ed eventualmente anche quella alta.
(Percorso più semplice e più frequentato) Itinerario di circa 1 ora sola andata, fino a Kessler bassa. Un'altra mezz'ora in salita per quella alta.

Fino alla Revò fattibile anche con passeggino da trekking

2. Dal secondo parcheggio raggiungere malga Lauregno, Castrin e poi tornare al parcheggio

3. Saltare malga Lauregno ed andare direttamente alla Castrin, per poi raggiungere le due Kessler e poi Revò e Cloz

4. Dal primo parcheggio raggiungere le malghe Cloz, Revò e Kessel alta e poi scendere da quella bassa.

Le malghe sono tutte belle ma pensare di fare il giro di tutte è un pò impegnativo, soprattutto con i bambini.

Per fare il giro di tutte 6 è bene considerare un tempo di circa 5 ore escluse le soste e con un buon passo.

Noi purtroppo non ce l'abbiamo fatta... ma poco male...abbiamo la scusa per tornare!

Ottime indicazioni per questa escursione le trovate sul sito IloveValdiNon.

Per noi è stato utilissimo!

Per il giro delle tre malghe Cloz, Revò e Kessel


Per il giro completo

E da Gabriele, Beatrice, Giulio, Alessandro e Martina un augurio a tutti di buona camminata!

PUNTO DI PARTENZA:

Parcheggi prima della galleria che collega la Val di Non con la Val d'Ultimo (Parcheggio Hofmadh)

Da Trento si risale la Val di Non fino a Cles e poi si prosegue per Rumo o per Revò. Entrambe le strade portano a Proves. Noi le abbiamo provate entrambe e quella che va verso Revò ci è sembrata un pò più scorrevole.

Superato il bivio per l'abitato di Proves proseguire fino al parcheggio prima della galleria. Se si trova pieno c'è un altro parcheggio anche subito superata la galleria.
Il primo parcheggio è più comodo per raggiungere le malghe di Revò. Cloz e Kessel. Il secondo per Lauregno e Castrin.
Dal primo parcheggio prendere il sentiero che passa sopra la galleria. Dal secondo seguire le indicazioni.

giovedì 10 agosto 2017

SUPER DIVERTIMENTO AL LIDO DI LEVICO

Caldo caldissimo... oggi ci rinfreschiamo al lido di Levico.

Un lido bellissimo con uno scivolo per i bimbi, un trampolino dal quale tuffarsi,





ma l'attrazione principale è la piattaforma di legno dove i più coraggiosi possono tuffarsi nel lago facendo un salto di 3 o 5 metri!





Il tutto con intorno l'incanto del meraviglioso lago di Levico, bandiera blu anche per il 2017!

In più... un bellissimo prato alberato, rete da pallavolo, tavolini da ping pong e calcetto, fungo nebulizzatore, noleggio pedalò e canoe, docce e parcheggio gratuito.





Non manca niente, avete tutti gli ingredienti per passare un pomeriggio di divertimento.. super!

Il bar Buena Onda inoltre con la sua atmosfera tropicale e i suoi gazebo balinesi sembra proprio  il posto ideale dove gustarsi un cocktail al tramonto.
Noi il cocktail manco riusciamo a bercelo a casa.... ma chi può ne approfitti!

Prezzi: 3 euro e 50 adulti,  3 euro bambini (4 euro giorni festivi)
Noleggio ombrelloni, sdraio e lettini a parte


Per maggiori info
http://www.lidodilevico.it/newsite/

IL LAGO DI LAGOLO E LA GRAN FESTA DI FERRAGOSTO: PARTE IL REBALTON DEI POPI 2017

E' uno dei laghi più belli del Trentino, in assoluto il mio preferito.


Giace solitario nel cuore della foresta di faggi ai piedi del Bondone.
Un piccolo e suggestivo specchio d'acqua, un luogo che fa bene al cuore.


In inverno si ghiaccia e ci regala delle bellissime pattinate, in estate delle grandi nuotate e dei bellissimi tuffi!


Ha il primato di essere il lago balneabile più piccolo del Trentino, ed infatti è possibile (per chi è abbastanza abile) nuotare da una sponda all'altra.
Io, ad esempio... non ci provo neanche per idea!

Se volete fare un giro sicuro del lago percorrete la bellissima passeggiata che in una mezz'oretta vi farà fare il giro intero.

Lagolo è stato rivalutato negli ultimi anni ed attrezzato nel bellissimo e grandissimo prato a sud del lago con un bar molto carino, una rete da pallavolo, un pontile a forma di L e da quest'anno anche una fantastica piattaforma.






Sul lato opposto del lago rispetto a dove c'è il pontile potete trovare un bellissimo parco giochi e un altro lo potete trovare percorrendo la strada proprio di fronte all'ingresso del parcheggio sud.

E' molto facile per chi passa una giornata qui, vedere atterrare qualche parapendio nel grande prato a ridosso del lago.
Il Bondone è infatti una palestra naturale di lancio per chi pratica questo bellissimo sport.

Chi fosse interessato a fare un voletto sopra il lago con un parapendio biposto può contattare GOOUTDOOR 

http://www.gooutdoor.it/eventi/volo-biposto-in-parapendio-a-lagolo/






Nei giorni di ferragosto, come ogni anno, il lago sarà animato dalla manifestazione EL REBALTON DEI POPI, quest'anno particolarmente ricco di eventi!

Quindi... se volete farvi un bagno, abbronzarvi, divertirvi e rilassarvi, Lagolo vi aspetta!

Altre due note positive per questo fantastico luogo... 
parcheggio gratuito e cani ammessi in spiaggia!


PER GLI AMICI CAMPERISTI
Sosta camper gratuita negli stalli vicino al grande parcheggio per massimo 72 ore.
Senza servizi, possibilità di carico acqua.


Un piccolo consiglio:
il lago non è pericoloso (è anche costantemente sorvegliato da due bagnini) ma è pur sempre un lago, quindi meglio fare un pò di attenzione ed avere qualche cautela in più rispetto a quando ci si trova al mare o in piscina.


PROGRAMMA REBALTON DEI POPI 2017
DAL 11 AL 15 AGOSTO

venerdì 11 agosto: 
ore 20.30 concerto sotto le stelle in riva al lago

sabato 12 agosto:
09.00 passeggiata ecologica
09.30 iscrizioni torneo green volley
12.30 pranzo
15.00 laboratorio MUSE: una preistoria da favola
18.30 baby dance
19.00 cena
21.00 concerto alabianca (cover nomadi)

domenica 13 agosto:
09.30 corsa panoramica 
10.00 torneo green volley
12.30 pranzo
15.00 laboratorio MUSE: gli ingredienti dello stregone
17.00 corsa sacchi
18.00 presentazione squadre US Calavino
19.00 cena
21.00 concerto zerozero39 (pop rock 70/80)

lunedì 14 agosto:
12.30 pranzo
14.00 torneo green volley
15.00 corso di disegno con Moreno Chistè
18.00 baby dance
19.00 cena
20.30 show dance (accademia danza e ballo di Dro)

martedì 15 agosto:
11.00 Messa
12.30 pranzo
15.00 concorso pittura
17.00 corsa intorno al lago
18.30 premiazioni
20.00 banda giovanile diretta da Simone Daves
21.30 fiaccolata intorno al lago

Noi sicuramente qualche giorno ci faremo una capatina... ci vediamo li?



IL LIDO DI SALORNO... UNA BELLISSIMA SCOPERTA!

Settimana di ferie e di grandissime e bellissime scoperte!

Oggi tocca al Lido di Salorno. 


Noi ci siamo stati questo pomeriggio e ci siamo divertiti da pazzi!


Un bellissimo scivolo e un divertentissimo kamikaze per i più grandi,





una piscina di 3 metri e mezzo, rialzata, dove fare i tuffi dal trampolino e godersi la vista sull'intera piscina,


un oasi splash per i più piccoli con tre divertentissimi scivoli,


e tanto prato intorno dove fermarsi e rilassarsi (chi ci riesce... io con tre figli non ce la faccio mai!).

La piscina dispone anche di un campo da beach volley e una grande sabbiera, oltre a bar e ristorante.

Il lido è facilmente raggiungibile seguendo le indicazioni per la piscina e si trova proprio a fianco del campo sportivo.
Grande parcheggio gratuito davanti all'entrata.

Fate un pò attenzione perchè l'insegna non è grandissima e segna lido pizzeria bar ristorante.
Noi all'inizio ce la siamo persa...

Una piscina bellissima, assolutamente consigliato passarci almeno un pomeriggio!


Prezzi ingresso: 6 euro adulti e 4 bambini, prezzo ridotto dalle 15.00
Il lido è aperto fino al 4 settembre dalle 10 alle 19

Per maggiori info

martedì 1 agosto 2017

CAMMINANDO AI PIEDI DELLO SCILIAR

Un cammello sulle Dolomiti?



Eh si... sembra incredibile ma si può vedere!

A Malga Tuff, meglio conosciuta come Tuff Alm, si può fare questo e anche molto altro!

La si raggiunge dal laghetto di Fiè allo Sciliar in un'oretta scarsa di camminata, un pò in salita.
La strada non comporta alcuna difficoltà ed è adatta anche a passeggini da trekking, se si ha voglia di spingerli!



Votata dai lettori del quotidiano Dolomiten come la malga più bella dell'Alto Adige, è un posto assolutamente fantastico.



E' stesa ai piedi del massiccio dello Sciliar, in posizione paradisiaca, ed offre ai visitatori un piccolo zoo con lama, alpaca, asinelli e... cammelli, un piccolo parco giochi e sdraio dove stendersi a prendere il sole in totale relax godendosi la magia del paesaggio circostante.







Noi non ci siamo fermati a mangiare ma dai piatti tipici che vedevamo girare la cucina dava tutta l'impressione di essere ottima!

Malga Tuff è il posto ideale dove trascorrere una giornata in famiglia. 

Noi l'abbiamo usata come base per proseguire la nostra passeggiata fino a raggiungere un'altra malga: la Hofer Alpl.

Bisogna ammettere che l'Alto Adige in quanto a strutture ricettive e panorami è davvero imbattibile!







Un'altra malga fantastica. 
Panorama stupendo, giochi per i bambini (trampoli e pesca, oltre all'immancabile parcogiochi) hanno intrattenuto grandi e piccini, e un piccolo zoo con caprette.







La si raggiunge dalla Tuff Alm in un'oretta con calma. Anche qui la strada è un pò in salita. Questo tratto non è adatto però ai passeggini, meglio uno zainetto porta bimbi.



Strada facendo non mancate di rinfrescarvi mettendo i piedi nel ruscello ghiacciato!

Noi abbiamo compiuto un giro ad anello non rientrando dal sentiero dell'andata dopo la Hofer Alpl, ma scendendo sulla strada sterrata verso Fiè. Si raggiunge il poco più avanti il sentiero sulla destra che riporta alla Tuff Alm, arrivandoci da sotto. Da li un altro sentiero (non adatto a passeggini) riporta al laghetto di Fiè.

Qui è davvero impossibile non fermarsi. (Attenzione che il laghetto di Fiè non è il laghetto di pesca sportiva che ci si trova appena intrapreso il sentiero per la Tuff Alm. Per raggiungerlo si devono seguire le indicazioni per il lago di Fiè e camminare un quarto d'ora circa dal parcheggio)

Un laghetto alpino meraviglioso, dove potete scegliere se fare un tuffo o se farvi il giro del laghetto in barca!





Noi abbiamo scelto la prima opzione!

APPUNTI DI VIAGGIO

Come raggiungere il punto di partenza:
Il laghetto di Fiè allo Sciliar si raggiunge da Trento in un'oretta e mezza. Uscita autostrada Bolzano nord, si seguono le indicazioni per Alpe di Siusi e successivamente per Fiè allo Sciliar.
Oltrepassato il paese di Fiè proseguendo sulla strada principale sulla destra poco dopo si trovano le indicazioni per il lago.

Non abbiamo incontrato camper nè lungo la strada nè nel parcheggio.
La strada da Fiè per raggiungere il laghetto è abbastanza ripida, stretta e piena di curve.
Quindi direi che per i camper non è molto adatta.

Il sentiero per raggiungere la malga dal parcheggio è sempre ben segnato.

La malga Tuff è raggiungibile anche in carrozza, partendo dal laghetto di Fiè

Parcheggio: a pagamento, nella pineta antistante il laghetto.

Malga Tuff rimane aperta fino a metà novembre, senza giorni di riposo.

La malga Tuff si trova a 1270 metri, a 1365 la Hofer Alpl.

Vicino al parcheggio non perdetevi la visita al piccolo centro visitatori!



sabato 29 luglio 2017

LA VACANZA IN SALENTO

Maldive? No... Salento!!




Destinazione delle vacanze estive 2017 decisa due giorni prima di partire... e qui sta il bello del camper!

Si torna in Salento!!! (Puglia).

Programma di massima deciso al volo grazie al preziosissimo aiuto del gruppo facebook CAMPERISTI ITALIANI... e il resto lasciato all' improvvisazione.

Quindi 3, 2, 1... via! 
Il sabato pomeriggio si parte, direzione sud e meta ancora ignota.


Sosta per la notte in autostrada e sabato pomeriggio siamo alle GROTTE DI CASTELLANA, delle quali purtroppo non abbiamo foto perchè dentro non si possono fare.



Situate all'ingresso della Valle d'Itria sono uno dei complessi di grotte più belli ed interessanti d'Italia che richiamano visitatori da tutto il mondo.

Un labirinto di caverne e voragini lungo 3 chilometri e profondo 70 metri.

Un emozionante viaggio al centro della terra per ammirare l'ennesima meraviglia della natura: da non perdere assolutamente se si passa da queste parti

Due indicazioni veloci...

1. Il cane si può portare dentro solo se riuscite a tenerlo in braccio per tutta la visita. Noi abbiamo dovuto riportare Oliver di corsa in camper.

2. Appena arrivate fate subito il biglietto dove sarà indicato il vostro orario di ingresso. Se andate in alta stagione è consigliata la prenotazione.

3. Ci sono due percorsi, entrambi con guida: uno più breve che dura circa un'ora e uno più lungo, di circa due chilometri (tempo di percorrenza un paio d'ore). Noi abbiamo fatto il secondo, che ci ha condotto fino alla bellissima Grotta bianca e lo consigliamo assolutamente.

4. Nelle grotte la temperatura costante si aggira sui 16 gradi, quindi è meglio portarsi una maglia.

5. Il percorso non presenta alcuna difficoltà, ma siete pur sempre in una grotta quindi abbigliamento comodo e scarpe da ginnastica... dentro abbiamo visto gente con ciabatte, gonne e tacchi....

PER I CAMPER:
Sosta nel parcheggio antistante le grotte comodissimo per la visita, senza servizi. Possibilità di sosta notturna.

PER INFO SULLE GROTTE (orari, prezzi ed eventi) POTETE VISITARE IL SITO

Saltiamo la visita ad Alberobello, che è vicinissimo, perchè lo abbiamo già visitato nella scorsa vacanza salentina.

Noi invece ci dirigiamo verso POLIGNANO A MARE, dove ci aspetta PASQUALE all'area di sosta LARUCCIA.

L'area è nuova, ben organizzata, molto ordinata e pulita. 
La distanza da Polignano centro è superabile con un quarto d'ora di bici (la strada non è bellissima ed è abbastanza trafficata, pista ciclabile inesistente. Noi comunque con tre bambini e un cane siamo sopravvissuti)
Oppure con la navetta messa a disposizione dall'area di sosta (a pagamento, orario da concordare con il gestore)
Noi, che venivamo da due giorni di viaggio chiusi in camper, abbiamo preferito una sgambata in bici.

Siamo partiti la mattina all'avventura e siamo riamsti subito incantati da tanta bellezza.


La fama di Polignano è davvero meritata. Un posto a dir poco incantevole.

Polignano: affascinante borgo medievale arroccato sulla costa alta e frastagliata, dove si aprono numerose cavità rocciose, come la famosa Grotta Palazzese. 
Il centro è un susseguirsi di vicoli con le tipiche case bianche e i terrazzi a strapiombo sul mare.


Passeggiare nel bellissimo centro storico, contemplare la meravigliosa vista che si ha dalle bellissime terrazze, lasciare uno sguardo alla Grotta Palazzese: oggi ospita uno dei ristoranti più belli del mondo, fare un bagno a mare nella fantastica spiaggetta Lama Monachile,



fare una visita alla statua di Domenico Modugno
... e oggi ci sembra di volare!!



Polignano è un piccolo angolo di paradiso, uno di quei posti unici che ti rimangono dentro.
Da vedere assolutamente almeno una volta nella vita!

COSA NON SIAMO RIUSCITI A VISITARE

Polignano by night, eravamo troppo stanchi e abbiamo rinunciato, purtroppo...
Dall'area di sosta Laruccia transfer con navetta. Orari da concordare con il gestore.

Monopoli... anche questa l'abbiamo saltata, chissà perchè!
Dall'area sosta Laruccia transfer con navetta da organizzare con il gestore.

Cala Paura: insenatura di ciottoli bianchi poco prima di Polignano dove la scogliera si solleva dal mare e mostra anfratti e calette nascoste.
Se non vi interessa avere i servizi dell'area di sosta abbiamo visto in lontananza alcuni camper in sosta qui. A pochi passi dal centro e proprio sul mare.

Quante cose ci siamo persi a Polignano... che peccato!
Niente paura però... abbiamo la scusa per tornarci presto!
Pasquale aspettaci!

Il giorno dopo si riparte con destinazione TORRE DELL'ORSO.
Qui ci aspetta GIUSEPPE all'area di sosta LA TORRE.

Avevamo già visto in internet che l'area ci piaceva molto e devo dire che non siamo rimasti per niente delusi!
Area di sosta fantastica, molto ombreggiata, piazzole grandi, molto pulita, bagni sempre impeccabili e piccolo parco giochi.
L'impressione dall'inizio è stata ottima, quindi ci piazziamo, decisi a rimanere qui per qualche giorno.
Conclusione... da qui non ce ne siamo più andati!

Non c'era mai successo di fermarci così tanti giorni nello stesso posto, ma quest'anno l'esperienza a Torre dell'Orso è stata davvero fantastica!

Oltre all'area impeccabile, al fatto che i bambini in tempo zero hanno trovato compagni di avventure e noi pure, quello che ci ha fatti rimanere qui è il clima che abbiamo trovato, l'accoglienza e la disponibilità di Giuseppe, Luana e di tutti i ragazzi, che ci hanno davvero ospitati a casa loro e che ringraziamo infinitamente per aver contribuito a rendere fantastica la nostra vacanza.

     

Ma cos'ha di così bello Torre dell'Orso?
Se proprio dobbiamo trovarle un difetto è che è molto molto affollata... per il resto... è al TOP!

Il mare è davvero da Maldive, acqua cristallina e sabbia fine.


  


 

Gli scogli delle due sorelle sono facilmente raggiungibili anche a nuoto e regalano viste ed emozioni incredibili.



Dallo scoglio che sovrasta le due sorelle parte una bellissima passeggiata che chiamare panoramica risulta quasi  riduttivo, e che porta in poco più di un'ora fino ai Faraglioni di Sant'Andrea.


Noi l'abbiamo percorsa molto spesso, un pò perché ci permetteva di lasciare libero Oliver che volentieri si faceva una corsetta e, soprattutto, perché da qui il panorama è davvero mozzafiato, anche se in realtà non l'abbiamo mai percorsa tutta.

Siamo arrivati qualche volta fino alle grotte di acqua dolce, posto quasi sconosciuto e trovato per puro caso, che come tutto qui, è davvero fantastico!




Ai Faraglioni di Sant'Andrea ci siamo stati utilizzando il comodissimo servizio navetta gratuito che porta da San Foca a Sant'Andrea.





Un'altra opera d'arte della natura: giganti di roccia bianchissima che escono da un mare incredibilmente trasparente.

E di fronte nelle giornate limpide si vedono le coste dell'Albania!

Un posto da tuffi, che è piaciuto tantissimo ai miei bambini, che ormai senza paura si sono tuffati per tutto il giorno da scogli sempre più alti.

Si sono allenati per tuffarsi il giorno dopo in uno dei posti più belli ed incredibili del mondo...
la Grotta della Poesia.

A conferma che la natura è il posto più bello dove immergersi... eccola qui, in tutto il suo splendore, che lascia senza parole.

Una grotta alla quale è crollato il tetto, che si mostra così a cielo aperto.
Impossibile da descrivere... è uno di quei posti che sono assolutamente da vedere!




E anche qui giornata di tuffi e grandissime nuotate in questo posto davvero magico!

Cose da non dimenticare per trascorrere una vacanza a Torre dell'Orso: maschere e sandaletti da scoglio!

E dopo tanto mare una gita a Lecce era quello che ci voleva! Organizzata da Giuseppe con pullman e guida... senza alcuno stress... una serata di puro relax!

Lecce è una città stupenda, chiamata la Firenze del sud è il regno del barocco italiano. I suoi palazzi sono incredibilmente belli ma soprattutto è passeggiare nei suoi vicoletti che rende questa città fantastica, soprattutto di sera.



Oltrepassate le mura che le circondano verrebbe voglia di rimanere qui per sempre.

  

Il centro è piccolino quindi visitabile con calma in due o tre orette. Visto il caldo è decisamente consigliata la visita in orario serale.

Noi ci siamo stati con il pullman quindi non posso darvi indicazioni sui parcheggi.

DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE
Il pasticciotto leccese


COSA CI SIAMO PERSI NEI DINTORNI DI TORRE DELL'ORSO


Le piscine naturali a Torre dell'orso

Una visita nella vicina Ostuni

Le cave di bauxite e i laghi Alimini nella vicinissima Otranto

La grotta verde di Andrano

E praticamente abbiamo già il programma per le prossime vacanze in Salento... 

Dopo giorni di total relax, bagni, tuffi e gran mangiate è ormai giunta l'ora per noi di tornare a casa.

Salutiamo con un pò di malinconia gli amici dell'area di sosta La Torre che ci hanno fatto compagnia per dieci indimenticabili giorni.


Non abbiamo per niente voglia di tornare a casa e non abbiamo voglia di lasciare subito la magnifica Puglia e decidiamo di visitare Castel Del Monte.

Area sosta molto tranquilla poco prima del castello a 7 euro al giorno con bagni, corrente e scarico. Noi abbiamo trascorso qui una notte e ci siamo trovati benissimo

Panorama fantastico sul castello soprattutto al tramonto, raggiungibile con servizio navetta o con una passeggiata di mezz'oretta.

Il castello, geniale esempio di architettura e famoso in tutto il mondo per la sua forma ottagonale e i suoi misteri, si trova su un piccolo promontorio dal quale si gode una vista pazzesca sulle Murge.



Bello, imponente, misterioso ed affascinante... ecco solo alcuni aggettivi per descriverlo.

Inserito dall'Unesco come bene Patrimonio dell'umanità dal 1996, lo troviamo anche sul retro delle nostre monetine da un centesimo!

Assolutamente consigliata la visita guidata, che noi purtroppo ci siamo persi perchè siamo arrivati un pò tardi. E' quindi meglio informarsi sugli orari e magari prenotarla.
Le audioguide purtroppo non sono fatte benissimo e sono molto noiose.

Nel compenso abbiamo incontrato Dario Vergassola alle prese con la registrazione di una scena del suo prossimo film!


  




Adesso è proprio ora di intraprendere il lungo viaggio di ritorno.

Facciamo tappa per la notte a Torre Pedrera, all'area di sosta La Valletta.

Il tempo per un'ultima cena di pesce e un giro sui go cart per ripartire l'indomani mattina.

  



Un particolare ringraziamento


al gruppo CAMPERISTI ITALIANI per l'indispensabile aiuto,

a PASQUALE (Area sosta LARUCCIA Polignano) e a GIUSEPPE (Area sosta LA TORRE a  Torre dell'Orso) per l'accoglienza e la disponibilità

a Paola, Renato e Christian per le bellissime ed indimenticabili chiaccherate

e a Claudio, Stefania ed Alessio per la cessione delle foto e soprattutto per la compagnia e l'amicizia! Siete stati dei compagni di vacanza fantastici!


Ciao Salento, grazie di tutto ed arrivederci a presto!

NOTE DI VIAGGIO:

Accessibilità ai cani in spiaggia: noi non abbiamo mai avuto problemi anche se a Torre dell'Orso vige il divieto.
Ci siamo sempre messi in spiaggia libera ed abbiamo sempre cercato di non dare fastidio ai vicini di ombrellone.
San Foca, Sant Andrea e Grotta Poesia non c'è divieto

Aree di sosta

Grotte Castellana: parcheggio vicino alla grotta a pagamento, senza servizi.
Sosta anche notturna

Polignano: Area sosta Laruccia. Nuova, pulita, soleggiata e un pò distante dal centro. Possibiità di raggiungere il centro in 15 minuti di bici o con servizio di navetta a pagamento messo a disposizione dall'area.
Possibilità di sosta camper anche a Cala Paura (parcheggio non custodito e senza servizi)

Torre dell'Orso: Area sosta La Torre... non servono commenti... fantastica!
Distante circa 10 minuti di bicicletta dal centro e dalla spiaggia. La strada per arrivare in spiaggia e in centro è poco trafficata. Ci si arriva tranquillamente anche con i bambini.
Servizio navetta messo a disposizione dall'area, a pagamento.

Da Torre dell'Orso spiagge di San Foca, Roca, piscine naturali, due sorelle e Faraglioni Sant Andrea sono raggiungibili anche con le navette gratuite di Salentoinbus che fanno servizio in questo tratto di costa.

Castel del Monte: parcheggio con bagni e corrente poco prima del castello

Rimini: area sosta La Valletta. Piccolina, carina, molto alberata, vicinissima a Italia in Miniatura, centro e mare raggiungibili in dieci minuti di bici o con servizio navetta gratuito messo a disposizione dall'area.






Se hai voglia di leggere qualcos'altro ecco il diario delle nostre vacanze 2016 in Calabria!

http://viteinviaggio.blogspot.it/2016/09/calabria-meravigliosa.html